Disciplina: Danza del Ventre

Prima di iniziare il suo percorso di studio della danza orientale, da bambina ha praticato danza moderna per poi proseguire con il pattinaggio artistico su rotelle, dai dodici ai quattordici anni.

Dopo numerosi viaggi in Tunisia e Medio Oriente, in particolare Giordania ed Egitto, in quest’ultimo si approccia alla danza orientale, venendo trascinata nel mezzo di una festa danzante.

Da questo momento inizia ad interessarsi non solo alla danza, ma anche alla cultura che ne è alle basi, conseguendo nel 2011 la laurea in Lingue e Letterature straniere con una tesi in letteratura araba.

A diciotto anni con la M° Barbara Pettenati muove i primi passi nella danza orientale, acquisendo consapevolezza del proprio corpo e benefici a livello posturale.

A vent’anni continua il suo percorso, approfondendo lo studio della danza orientale folk con la M° Barbara Cigarini presso la scuola Obiettivo Danza di Reggio Emilia. Qui si dedicherà allo studio dell’improvvisazione, all’importanza dell’espressione e della comunicazione corporea.

Conseguirà la medaglia d’argento ai Campionati Regionali FIDS del 2010 nella categoria Orientale solo classe B.

Ha partecipato, come danzatrice, al dramma in reading per il teatro, diretto da Andrea Ferrari: “La sposa reclusa”, volto a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione di molte donne arabe che vivono nel nostro paese; e a numerose iniziative culturali dei comuni di Reggio Emilia e provincia (quali Fotografia europea 2012) e Modena.

Nel 2013 si avvicinerà alla Dark Fusion Belly Dance con Silvia Colombara (in arte Silviah) partecipando a numerosi suoi seminari e al Gothla.it 2013, dove avrà la possibilità di studiare con Ariellah e Morgana Guibelalde.

L’incontro con la M° Ekaterina Sofina è un punto di svolta. Con quest’ultima inizia un’adeguata preparazione fisica utilizzando esercizi di danza classica (quali la sbarra normale e a terra), di yoga, insieme allo studio della tecnica, del portamento, dello spazio e della composizione coreografica degli stili Ashra Baladi, Sharqi (orientale classico) e Cabaret, pur non tralasciando la parte artistico- interpretativa, fulcro di questa danza.

Grazie a lei ottiene numerosi risultati in campo agonistico: 6° posto come solista e 1° posto in categoria grande gruppo al Congresso Internazionale di Danza Orientale tenutosi a Verona nel 2012;

1° posto Folk Oriental Dance, classe B, insieme a Natalia Lombardi, ai Campionati Italiani FIDS 2013.

Consegue il diploma livello bronzo dell’Accademia Danze Orientali C.C. Margarita, tenuto dalla M° Maria Rita Gandra, ottenendo un brillante punteggio (98/100) e i complimenti dell’insegnante, che ha definito la sua performance: “…passionale e incisiva come le ballerine dei cabaret del Cairo”.

Sempre in quest’anno, si esibisce all’Ishtaraqs Festival di Verona.

Nel 2014 insieme all’insegnante e alle sue colleghe e amiche, Natalia Lombardi (vice Campionessa italiana Folk Oriental Dance 2014, classe B) e Mikaela De Santis, fonda il gruppo “Le Allegre Awalim”.

Calca il palcoscenico dell’Heshk Beshk 2014 con le Awalim e come solista, esibendosi all’Open stage.

Attualmente, continua a studiare con la M° Maria Rita Gandra per conseguire il diploma di livello argento, con Ekaterina Sofina, che considera la sua “Madre” artistica, e con i grandi maestri egiziani di fama mondiale quali: Randa Kamel, Tito Seif e Aida Nour.

Nel corso degli anni, ha studiato e ancora studia con i maggiori insegnanti a livello nazionale e mondiale quali: Aziza Abdul Ridha (conseguendo anche un diploma di partecipazione ai seminari tenutisi a Cervia), Saida e Yamil Annum, Mme Raquia Hassan, Momo Kadous, Teresa Tomas Garcia, Sarah Shahine, Samara Salah, J. Parvani Lorenzon, Evelina Papazova, Nour e Wael Mansour.