La Bachata è un genere musicale originario della Repubblica Dominicana che ha dato origine al relativo ballo di coppia.
La musica presenta un suono dolce e melodico e i testi delle canzoni trattano sempre il tema dell’amore in tutte le sue sfumature, a volte in termini idilliaci e altre in termini drammatici.
Alle sue origini, intorno agli anni 40 del secolo scorso, era diffusa solamente nelle classi sociali più povere della Repubblica Dominicana e le canzoni esprimevano situazioni difficili che si vivevano in quel contesto sociale. Questo ha fatto sì che la bachata venisse definita come “música de amargue” (“musica da amarezza”) proprio per via della tristezza dei contenuti trattati.

La borghesia disprezzava questo genere musicale, non solo perché espressione delle classi povere, ma anche perché le movenze tipiche del ballo venivano viste come oscene e volgari. La bachata delle origini, infatti, non presentava molte figure come nell’interpretazione moderna; era un ballo in cui l’uomo e la donna, per tutta la durata del brano, restavano abbracciati dondolandosi ed effettuando un provocatorio movimento d’anca.

A partire dagli anni Ottanta, la bachata subì un processo di rivalutazione grazie ai mezzi di comunicazione e agli sforzi di molti compositori.

Il primo compositore a rilanciare questo genere fu Luis Segura, che nel 1982 ebbe un gran successo con la canzone Pena por ti, grazie alla quale la bachata cominciò ad esordire sulle prime stazioni radiofoniche e a diffondersi in tutte le classi sociali, anche quelle più alte che fino ad allora si erano mostrate riluttanti.

La bachata ha anche dato origine in tempi recenti a generi “fusion”, come il bachatango, un genere che mescola il ritmo della bachata con gli strumenti del tango, il bachatón, che si mescola con il genere reggaetón, la bachata sensual che introduce elementi di danza e movimenti corporei che la rendono molto scenografica.

Vieni anche tu a provare il corso del momento! In esclusiva ad Obiettivo Danza con i pluricampioni italiani